UNDER 17 CAMPIONE D’ITALIA: LA SQUADRA DEI RECORD CHE NON MOLLA MAI. E BRAVI UNDER 16

Uno spirito sempre vincente, da campioni d’Italia, dna del Pordenone del futuro che cresce in casa. Uno spirito che ti porta a non mollare mai, anche quando il destino sembra aver già deciso: incredibile la rimonta da 1-2 a 3-2 in semifinale con l’Alessandria negli ultimi 3 minuti (e da 2-0 a 2-3 a Bolzano nell’andata dei quarti). Nello storico scudetto Under 17 del Pordenone, conquistato giovedì 21 giugno al Morgagni di Forlì (3-0 al Prato, gol di Banse, Bertoli e De Min), c’è questo e molto altro. Il titolo tricolore (che si aggiunge ai due Juniores degli anni Sessanta) è un riconoscimento per il presidente Mauro Lovisa e tutta la società, che ritengono da sempre fondamentale il Settore Giovanile (responsabile è Denis Fiorin), dai piccoli della Scuola Calcio ai nazionali.

Programmazione dunque unita alla passione, cuore, grinta, qualità e numeri, che non mentono mai: nella stagione tricolore da record della squadra di mister David Rispoli c’è una striscia di imbattibilità di 28 gare (22 di campionato, dal 15 ottobre; 6 di playoff). Solo la Roma, nella Supercoppa, ha superato il Pordenone (per onor di cronaca rimaneggiato e con un giorno in meno di riposo). Complessivamente i giovani ramarri dell’annata 2001 (con qualche 2002 già in squadra e in evidenza), dominatori già nella regular season (primi a +7 sulla Feralpi, miglior attacco e difesa) hanno totalizzato 24 vittorie e 8 pareggi. Tre le sconfitte (Supercoppa compresa). 79 le reti realizzate, 33 quelle subite. Orchestra del gol, 14 i calciatori a segno: Bertoli 21, Lovisa 12, De Min 11, Zamuner 10, Nardini, Querin 6, Mior 4, Pignata 2, Banse, Cantarutti, Cotali, Gigante, Modolo, Palma 1 (e un’autorete). Ben tre i giocatori, i più giovani del girone B, a esordire in serie C: Meneghetti, Bertoli e Lovisa. Il tricolore, infine, ha fatto registrare numeri da record anche sui social: il post della vittoria su Facebook è stato visto da oltre 52 mila persone, con 1.175 “mi piace” e 300 condivisioni; su Instagram 18 mila visualizzazioni e 2.100 “mi piace”.

Il Pordenone era l’unico club di serie C con due squadre in finale. Grandi applausi anche all’Under 16, sconfitta nell’ultimo atto 3-1 dal Renate a Ravenna. Stagione super, con il secondo posto in campionato arrivato al termine una grande cavalcata. Alla terza giornata i neroverdi avevano un solo punto, poi la rimonta. Complessivamente (playoff compresi, dove ha superato Racing Fondi nei quarti e Pisa in semifinale) la squadra di mister Gianluigi Pillin ha totalizzato 14 vittorie, 2 pareggi e 7 sconfitte. 48 le reti realizzate, 28 quelle subite. Dieci i giovani ramarri in gol (statistica generale): Banse, Secli 11, Mandato 5, Trentin 4, Antoniazzi, Lugnan, Rossi, Zottarelli 3, Ristic 2, Roman 1 (e un’autorete). Banse (tripletta al Pisa) e Mandato i goleador dei playoff con 4 centri ciascuno.